Famiglia: un’opera d’arte – Riflessioni sull’Amoris Laetitia attraverso i grandi pittori

L’autore si serve della pittura, più di trenta i dipinti e gli affreschi commentati, per annunciare il Vangelo della famiglia, la buona e lieta novella della vita coniugale e familiare. In un saggio interamente a colori (in tutti i sensi), egli mette al centro la famiglia, esplicitandone la vocazione e la missione nella Chiesa e nel mondo. La famiglia, infatti, è il paradigma su cui costruire la Chiesa e la società. Egli considera la famiglia un’opera d’arte capace di suscitare emozioni, sentimenti, di trasmettere valori umani e cristiani, di insegnare a vivere e ad amare, di aiutare a compiere scelte responsabili di vita, di rendere la vita delle persone bella e significativa; invita a percorrere la via pulchritudinis, ossia la via della bellezza della vita coniugale e familiare.

Il mondo in cui viviamo ha bisogno di bellezza, per non precipitare nell’angoscia e nella disperazione. La bellezza riempie il cuore di fiducia, di speranza, di amore, di gioia, di felicità. «La bellezza è cifra del mistero e richiamo al trascendente. È invito a gustare la vita e a sognare il futuro». «La bellezza salverà il mondo», dice Fëdor Dostoevskij.

Il volume sia dal punto di vista contenutistico che linguistico è in perfetta sintonia con il magistero pastorale di papa Francesco. Il linguaggio utilizzato dall’autore è chiaro, profondo, coinvolgente, incisivo. Il libro si legge con gusto e suscita interesse e il lettore, leggendolo, si arricchisce di contenuti antropologici, teologici, etici e pastorali, in sostanza viene invitato a vivere in pienezza la sua vocazione e missione nella Chiesa e nel mondo.

Dalla prefazione di Salvatore Cipressa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *