Moralia. Maddalena e la Pasqua: lacrime in movimento

Foto all'interno

Il pittore J. Jordaens rappresenta Maria Maddalena che, con gli occhi commossi rivolti verso Giovanni, indica fuori dalla tela la tomba di Cristo, luogo verso il quale si dirigono le sue lacrime. Le lacrime della Maddalena rincorrono un “oltre” che lei stessa non riesce a comprendere, che le sfugge: il mistero, la speranza, sono immaginati dall’artista fiammingo “al di là” del quadro […]. Sull’esempio della Maria di Magdala di Jordaens, dobbiamo far scivolare le nostre lacrime oltre il quadro, al di là del nostro spazio chiuso di dolore, liberandoci dalle prigioni che ci impediscono di nascere pienamente. In questo modo anche l’oltre immediato, il domani, sarà percepito come dono del Cristo che mai ci abbandona.

Un brano del mio articolo per “Moralia” (una collaborazione dell’Associazione Teologica Italiana per lo studio della Morale con “Il Regno”). Potete leggere l’articolo completo al seguente link

 

Buona Pasqua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *